info@newdistance.it +39 06.900.800.06
Immagine Evidenza Budapest ok
A partire da Roma € 307,00 (minimo 45 partecipanti)

Budapest

Questo tratto del Danubio è stato il luogo di insediamenti umani sin dal Paleolitico. E ‘stato il sito della città romana di Aquincum, situata a nord della proprietà inscritto che comprende parti di due città originariamente ben distinte: Buda sullo sperone sulla riva destra e Pest sulla pianura sulla riva sinistra. Pest è stato il primo centro urbano medievale, devastata nel 1241-2. Pochi anni dopo il castello di Buda è stato costruito su uno sperone roccioso sulla riva destra del re Bela IV. In seguito, la città riflette la storia della monarchia ungherese. Dopo la fine della occupazione turca, il recupero non ha veramente inizio fino al 18 ° secolo. Nel 19 ° secolo, il ruolo della città come capitale è stata potenziata dalla fondazione dell’Accademia Ungherese, ospitato dal 1862 in un palazzo neo-rinascimentale, e dalla costruzione dell’imponente palazzo del Parlamento neo-gotico (1884-1904). Ponte sospeso di WT Clark, finalizzato nel 1849, simboleggiava la riunificazione di Buda e Pest, che non effettivamente venire su fino al 1873. Il simbolo dello sviluppo della città come una moderna metropoli era radiale Andrássy Avenue, che è stata inclusa nella proprietà nel 2002. Dal 1872, il viale trasformò radicalmente la struttura urbana di Pest, insieme con la costruzione della prima ferrovia sotterranea del continente europeo sotto di esso nel 1893-6.
Come centro per la ricezione e diffusione di influenze culturali, Budapest è uno straordinario esempio di sviluppo urbano in Europa centrale, caratterizzata da periodi di devastazione e di rivitalizzazione. Budapest ha mantenuto le caratteristiche strutturali diverse delle ex città di Pest, Buda e Óbuda. Un esempio è ciò il quartiere del Castello di Buda con il suo stile medievale e tipicamente barocco, che sono distinti dall’architettura di Pest estesa ed unicamente omogeneo (con i suoi stili storicizzanti e Art Nouveau) che è caratterizzata da notevoli edifici pubblici e inserito nel ringed- struttura della città radiale. Tutto questo è organizzato in una unità derivante dalle caratteristiche diverse morfologiche del paesaggio e il Danubio, le due banche di cui sono collegati da una serie di ponti. Il complesso architettonico urbano del viale Andrássy (‘The Avenue’) e dintorni (Piazza degli Eroi, il City Park, storici quartieri del centro urbano e edifici pubblici) sono realizzazioni architettoniche e artistiche di alta qualità di principi di urbanistica che riflettono tendenze, che si diffuse nella seconda parte del 19 ° secolo. La vista panoramica sulle rive del Danubio come parte del paesaggio storico urbano è un esempio unico di interazione armoniosa tra la società umana e un ambiente naturale caratterizzato da condizioni morfologiche diverse (Monte Gellért con la Cittadella e le colline di Buda in parte coperta di foreste , il fiume Danubio, ampio, con le sue isole e terreno pianeggiante di Pest in aumento con una leggera pendenza).

Criterio (ii)
Aquincum ha svolto un ruolo essenziale nella diffusione di forme architettoniche romane in Pannonia, poi in Dacia.
Castello di Buda ha svolto un ruolo essenziale nella diffusione dell’arte gotica nella regione magiara del 14 ° secolo. Sotto il regno di Mattia Corvino, Buda era un centro artistico paragonabile, a causa della sua influenza, a quella di Cracovia. Come risultato dell’unificazione di Pest, Buda e Óbuda in 1872-1873, Budapest divenne ancora una volta un centro significativo nella seconda parte del 19 ° e all’inizio del 20 ° secolo a causa della quantità e della qualità del patrimonio costruito durante quelli periodi. E ‘stato un centro che ha assorbito, integrato e diffuso in sospeso e progressive influenze europee di urbanistica e di architettura, nonché moderni sviluppi tecnologici come la Metropolitana del Millennio, costruito sotto viale Andrássy, il primo in Europa continentale, ognuno dei quali era in linea con il suo ruolo di metropoli.

Criterio (iv)
Castello di Buda è un complesso architettonico che, insieme con il vicino quartiere vecchio (il quartiere del Castello di Buda) illustra due periodi significativi della storia che sono stati separati da un intervallo corrispondente al all’invasione turca.
Il Parlamento è anche un eccellente esempio di un grande edificio pubblico alla pari con quelli di Londra, Monaco, Vienna e Atene, esemplificando l’architettura eclettica del 19 ° secolo, mentre allo stesso tempo che simboleggia la funzione politica della seconda capitale della Impero Austro-Ungarico. Viale Andrássy (1872-1885) e la Metropolitana del Millennio (1893 – 1896) sono esempi rappresentativi della realizzazione di soluzioni progettuali associati con le ultime attrezzature tecniche della giornata per rispondere alle esigenze di una società moderna emergente. Architettonicamente, la Avenue ha grande integrità nei suoi edifici eclettico, neo-rinascimentale.

Integrità
La delimitazione della proprietà estesa soddisfa i requisiti di onorabilità, poiché include gli attributi di eccezionale valore universale e il loro ruolo storico e strutturale è conservato nel tessuto urbano. Nonostante gli edifici rovinosi o mancanti in alcune parti e in particolare nel quartiere Castello di Buda, e nonostante le ricostruzioni all’interno del panorama delle rive del Danubio dopo la seconda guerra mondiale, l’integrità complessiva della proprietà è sostenuta. Al fine di rafforzare l’integrità, è giustificato rivedere la delimitazione sul lato Buda, nonché l’inclusione di Isola Margherita e l’estensione dell’area protetta fino al Grand Boulevard (Nagykörút). La forma originale di via Andrássy con i suoi edifici è stata conservata abbastanza bene in termini di sua concezione e la sua relazione con l’ambiente urbano circostante, così come il tessuto edilizio.L’attenzione è data anche alla conservazione e design appropriato di piccoli elementi che fanno parte dell’arredo urbano. Ci sono alcuni problemi, per esempio, nella condizione fisica degli edifici: strutture di copertura in legno hanno sofferto di strutture metalliche e umidità sono corrose, richiede manutenzione e riparazione. Ci sono stati anche alcuni cambiamenti nella professione, gli istituti tendono a sostituire l’uso residenziale in precedenza, che è un problema comune nelle aree urbane centrali. Ci sono stati problemi per quanto riguarda lo sviluppo nel contesto della proprietà del patrimonio mondiale, sia in termini di demolizione e inappropriate nuove strutture. Altre sfide sono l’assicurazione di gestione del traffico del patrimonio da usare e la mitigazione dei cambiamenti climatici impatto sull’ambiente naturale e costruito (per esempio estremi acquatici livelli del Danubio, aria inquinamento e il deterioramento delle strutture di calcare).

Autenticità
Nelle sue attributi e la somma delle sue parti costituenti, la proprietà conserva i caratteri che definiscono il patrimonio architettonico creato da strati successivi di periodi storici. Il restauro e la ricostruzione parziale del quartiere del Castello di Buda dopo la seconda guerra mondiale, sviluppate principalmente tra il 1960 e il 1980, così come il grado di autenticità dei sopravvissuti edifici storicizzazione sono in linea con i requisiti delle Linee Guida Operative. La maggior parte degli edifici sostituiti nel panorama delle banche del Danubio conformi alle loro scale originali. I grandi edifici pubblici, come il Parlamento, il Teatro dell’Opera, l’Accademia Ungherese delle Scienze e il mercato coperto, hanno conservato le loro funzioni originali. Tre dei quattro ponti sul Danubio situata nella proprietà sono stati autenticamente rinnovato. Il design del 20 ° secolo del nuovo Ponte Elisabetta si adatta bene nella linea di ponti conservando la sua autentica immagine. Andrássy Avenue, con i suoi alberi accanto e il suo ambiente, conserva la sua storicità, nella sua concezione e parti costitutive. La maggior parte degli edifici pubblici hanno conservato la loro funzione originale, tuttavia, la trasformazione di edifici residenziali in uffici è una tendenza sfavorevole. La Metropolitana rinnovato svolge un ruolo funzionale nel infrastrutture della città.Le stazioni sotto il viale hanno mantenuto le loro caratteristiche originali, mentre quelli del City Park sono stati modificati dalla posizione originale fuori terra e sono ora costruito sotto la superficie che rappresenta un certo grado di compromesso per quanto riguarda l’autenticità della ferrovia. Una delle garanzie di autenticità della struttura risiede nella conservazione autentica della struttura urbana storica e gli edifici nella zona cuscinetto.

Requisiti di protezione e di gestione
La proprietà del Patrimonio Mondiale con la sua fascia di rispetto è stata legalmente protetta come una zona storica monumenti dal 1965; questa area protetta è stata ampliata nel 2005 – dopo l’estensione della proprietà nel 2002 – ai sensi della legge sulla tutela dei Beni Culturali. Un gran numero di edifici storici, nonché i ponti e gli argini sono anche protetti singolarmente. La proposta di revisione dei confini della proprietà è richiesto non solo dalle decisioni del Comitato del Patrimonio Mondiale, ma anche dalla recente evoluzione nella valutazione dei valori del patrimonio della proprietà e dei suoi dintorni, nonché dalla comparsa di nuove minacce. La proprietà e la sua menzogna zona cuscinetto entro nove distretti amministrativi della capitale, un altro comune è che il capitale di Budapest sé. Questi dieci comuni interessati non hanno ancora stabilito un corpo globale di gestione.
Giurie progettazione architettonica, sia a livello dei distretti e al livello del capitale di Budapest, facilitano sviluppi architettonici alta qualità in accordo con i valori della proprietà. Il Centro Nazionale Gyula Forster per i Beni Culturali Management è la gestione del patrimonio Corpo Mondiale. In base alla legge nazionale, Patrimonio Mondiale del 2011, lo stato di conservazione del bene, così come le minacce e le misure di conservazione sarà regolarmente monitorata e comunicata all’Assemblea nazionale, mentre il piano di gestione verrà rivisto almeno ogni sette anni. Una volta finalizzati e approvati, il piano di gestione e dell’organo di gestione prevedono meccanismi di governance trasparenti con responsabilità chiare, dove interessi diversi possono manifestarsi e in cui sono disponibili il quadro e metodi per la cooperazione dei diversi soggetti istituzionali.
Un requisito di gestione è l’istituzione di un piano di conservazione e di sviluppo urbano per la zona cuscinetto, nel pieno rispetto dei principali valori architettonici e urbanistici di ogni trimestre con una applicazione rigorosa. In modo complementare, finanziamenti supplementari (ad esempio, incentivi fiscali e sovvenzioni) deve essere cercata, e in maniera dinamica, gli investimenti edificio privato deve essere diretto verso azioni di risanamento e restauro, piuttosto che la demolizione e ricostruzione. A causa della complessità della proprietà e il suo contesto, particolare attenzione deve essere pagato allo sviluppo di adeguati strumenti di monitoraggio e meccanismi, nonché alla loro corretta applicazione.

dicembre: 2018
L M M G V S D
     
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Foto 1 Budapest
Foto 2 Budapest
Foto 3 Budapest
Foto 4 Budapest
Giorno 1

Giorno 1

Partenza dall’aeroporto di Roma con volo diretto. Arrivo, trasferimento in hotel in pullman Gran Turismo Prime visite della città di Budapest (passeggiata lungo il Danubio, panoramica della collina di Buda, l’isola Margherita).

Giorno 2

Giorno 2

Intera giornata dedicata alla visita di Budapest con i docenti accompagnatori (il quartiere di Buda con le sue case barocche e medievali, chiesa di Mattia, il campanile di Santa Margherita, ghetto ebraico, Palazzo Reale, le piscine Gellert con possibilità di bagnarsi nelle acque termali).

Giorno 3

Giorno 3

Mattina visita della città con i docenti accompagnatori (il quartiere di Pest con la chiesa parrocchiale, la Basilica di Santo Stefano, Palazzo Gresham tipico esempio di Art Noveau, Piazza Vorosmarty e i numerosi caffè) Pomeriggio visita del Palazzo del Parlamento (in stile neogotico che custodisce all’interno la Corona di re Santo Stefano, la sala dell’Arazzo e la sala della Cupola).

Giorno 4

Giorno 4

Mattina possibile escursione con pullman privato e guida per visita dell’ Ansa del Danubio (il villaggio di Sant’Andrea, il Museo della Scultura di Kovac Margit) Pomeriggio proseguimento delle visita della città (Boulevard Andrassy, il Teatro dell’ Opera, viale storico –sito UNESCO, Piazzale degli Eroi, Monumento al Millennio, il parco pubblico Varosliget, il castello di Vajdahunyad, la statua dell’ Anonimo).

Giorno 5

Giorno 5

Giornata dedicata a personali scoperte e acquisto di prodotti tipici (passeggiata lungo Via Vaci, il famoso mercato coperto dove è possibile acquistare tipici prodotti artigiani e alimentari) Al termine trasferimento in pullman privato all’aeroporto e partenza per Roma.

N.B. POSSIBILITA’ DI PERSONALIZZARE IL PROGRAMMA A SECONDA DELLE PROPRIE ESIGENZE